scopri la differenza tra una sauna infrarossi in ceramica, in carbonio o in quarzo magnesio ad ampio spettro

Sauna infrarossi in ceramica, in carbonio o in quarzo magnesio ad ampio spettro?

http://www.effettovita.it/sauna-infrarossi-in-ceramica-in-carbonio-o-in-quarzo-magnesio-ad-ampio-spettro/

È meglio una sauna infrarossi in ceramica, in carbonio o in quarzo magnesio ad ampio spettro?

Ebbene in quest’articolo puoi trovare tutte le informazioni necessarie per fare la tua scelta.

Elemento numero 1: differenza tra le saune infrarossi normali e quelle Physiotherm.

Il primissimo elemento da comprendere, in questo settore, è che ci sono due categorie di saune infrarossi: le normali e quelle Physiotherm.

Le saune infrarossi normali possono essere in carbonio, in ceramica oppure in quarzo magnesio ad ampio spettro.

Le cabine ad infrarossi Physiotherm sono in ceramica contenente la sabbia lavica e hanno il sensocare, due componenti coperte da brevetto.

Quelle normali arrivano a 50 o 60 gradi e, per la maggior parte sono di produzione cinese, le saune infrarossi Physiotherm, invece, arrivano a 37 gradi, sono austriache, e oltre a farti sudare lo stesso, migliorano la microcircolazione nonchè stimolano una disintossicazione più profonda.

Per quale ragione?

In quest’articolo trovi tutte le risposte:

http://www.effettovita.it/sauna-infrarossi-benefici-e-controindicazioni-tra-le-normali-e-le-physiotherm/

Elemento numero 2: sauna infrarossi normale in carbonio

Come vedete nella foto, le saune infrarossi in carbonio hanno tutte le pareti, compreso quella sotto la seduta, ricoperte di pannelli in carbonio con davanti dei listelli in legno.

Queste tipologie di saune possono essere scaldate partendo da circa 18 gradi fino a 50 – 60.

Emettono raggi infrarossi lontani, cioè raggi infrarossi C, in quanto il carbonio permette di emettere calore senza scaldarsi troppo lui.

Il problema è che per arrivare a 50 gradi, con questa tipologia di pannelli, ne devo mettere tanti, e ognuno di loro è interessato dal passaggio della conduttività elettrica, attraverso tutta la sua superficie, creando un’induzione magnetica importante e quindi anche un campo elettromagnetico di entità non trascurabile.

L’altro elemento da considerare è che i listelli in legno non permettono una trasmissione di calore omogenea verso la pelle, perciò alcune parti del nostro corpo si possono scaldare di più rispetto alle altre e la nostra pelle non deve superare i 43°C.

E infine il pannello dietro ai polpacci non favorisce il ritorno venoso.

Elemento numero 3: sauna infrarossi normale in ceramica

esempio di sauna infrarossi in ceramica normale, cioè non Physiotherm e generalmente di produzione cineseGeneralmente questa tipologia di sauna ha qualche radiatore dietro, un paio davanti e uno sotto la seduta.

Spesso il comando di controllo è all’esterno della sauna e arrivano a circa 50 – 60 gradi.

La lampada per scaldare è fatta in ceramica.

Ebbene per avere la capacità di scaldare fino a 50 gradi, le lampade possono emettere un mix tra raggi infrarossi lontani, medi, ed eventualmente anche corti.

Caratteristica, che fa raggiungere, a queste lampade, temperature molto elevate, tanto che quando diventano molto calde non riesci più a stare appoggiato sui listelli in legno, perciò non sono comodissime.

E dal di lì, l’unica soluzione è provare ad appoggiarsi sulle parti libere delle pareti senza radiatore.

Nel nostro centro, ad esempio, abbiamo una sauna infrarossi normale, che funziona in maniera simile, e anche se sarebbe da due posti, solo una persona riesce a starci bene, senza scottarsi, perciò non è il massimo.

Dettaglio, che ci ha fatto propendere di proporre, ai nostri clienti, solo le saune infrarossi Physiotherm, insieme a tutti gli altri motivi, che potete leggere nell’articolo sui benefici e le controindicazioni, linkato sopra.

Se naturalmente ti stai chiedendo come sia possibile una cosa del genere, la risposta è molto più semplice di quanto si possa pensare.

E cioè che queste situazioni spiacevoli capitano, perchè molti produttori pensano che per realizzare una sauna infrarossi basti inserire 4 lampade su una struttura di una sauna finlandese, il problema è che nella finlandese, hai la stufa davanti e sei libero di appoggiarti dove vuoi, in una cabina ad infrarossi, ciò non è possibile, e dovresti in teoria tener conto anche delle lampade, ma non tutti lo fanno.

Infine anche in questa tipologia di sauna, come si può vedere dalla foto, ci sono i listelli in legno e questo comporta che la pelle non si scaldi in maniera omogenea, perciò bisogna stare attenti che non si superi il limite dei 43°C.

E per il ritorno venoso, si hanno le stesse criticità indicate nelle saune infrarossi con i radiatori in carbonio.

Elemento numero 4: sauna infrarossi in quarzo magnesio ad ampio spettro

esempio di radiatore di una sauna infrarossi in quarzo magnesio ad ampio spettroIn merito a questa tipologia di sauna il materiale con cui possono essere fatte le lampade può contenere anche del quarzo o del magnesio oppure ci sono anche dei modelli, senza questi componenti, ma pur sempre ad ampio spettro.

Sui benefici che possano trasmettere il quarzo e il magnesio, in questo contesto, ci permettiamo di indicarti alcuni spunti di riflessione.

L’assorbimento del calore dipende dalla nostra capacità di irrorazione sanguigna in quella zona, in quanto è il nostro sangue che arrivando lì, e diventando più caldo, per via dell’assorbimento del calore, poi lo diffonde nei vari tessuti attraverso la circolazione sanguigna.

Processo che non è immediato, ma richiede appunto il tempo necessario, affinchè il nostro corpo possa aumentare il flusso sanguigno nella zona interessata.

Se perciò sottopongo la pelle a uno stimolo adrenergico importante, cioè a una quantità di calore importante in poco tempo, è più facile che si verifichi una costrizione dei vasi piuttosto che la perfusione della zona interessata, e quindi dell’assorbimento del calore.

Ebbene dinnanzi a una tale situazione, qualsiasi effetto benefico del quarzo magnesio si volatilizza e in una cabina con i radiatori ad ampio spettro può capitare benissimo perchè oltre ad emettere i raggi infrarossi lontani, per la maggior parte emettono raggi infrarossi corti e medi, che trasmettono quantità di calore elevato.

Inoltre all’interno di questo contesto, desideriamo evidenziare un altro elemento molto pubblicizzato da chi tratta questi modelli, e cioè la capacità dei raggi infrarossi corti di penetrare fino a 5 mm di profondità nei tessuti, grazie anche al potere di conduttività dell’acqua, favorendo lo stimolo di molte reazioni biochimiche, di una maggiore trasmissione di energia termica e alleviando anche i dolori articolari.

Ma è veramente così?

Innanzitutto il primo aspetto da sottolinerare è che il 50% della radiazione infrarossa corta (A) e media (B) viene riflessa dai pigmenti della pelle, mentre i raggi infrarossi lontani (C), vengono completamente assorbiti.

Di questo 50%, per quanto riguarda le onde corte A, solo il 5% può penetrare fino a 4 o 5 mm di profondità ed il rimanente 95% viene assorbito negli strati superiori della pelle, di cui il 75% entro i primi 0,75 mm.

Non solo. Tale assorbimento dipende anche dai componenti molecolari della pelle e dalla sua idratazione, che non sono mai costanti.

Ebbene dinnanzi a questo quadro, quanto calore pensate di assorbire, ammesso che non entriate in vaso costrizione, per via di uno stimolo adrenergico importante?

Senza considerare che siete in una temperatura ambiente sopra i 37 gradi e il sangue più caldo di 37 gradi, presente nella circolazione della cute subisce una riduzione del suo riflusso, al fine di mantenere costante la temperatura del nostro nucleo centrale, cioè del cuore, polmoni, cervello, fegato, reni e intestino.

Elemento numero 5: sauna infrarossi Physiotherm con radiatori in ceramica contenente sabbia lavica e il sensocare

Come abbiamo accennato sopra questa tipologia di sauna ad infrarossi ha un processo d’irradiamento unico al mondo, in quanto arriva massimo a 37 gradi, facendoti sudare lo stesso e l’azienda di produzione è austriaca.

Viene definita anche sauna ad infrarossi a bassa temperatura.

Ebbene in merito ai benefici di questa tipologia di sauna ed il motivo del perchè si è deciso di realizzare un bagno di calore, che non superi i 37 gradi, che è la temperatura del nostro cuore, cervello, polmoni, stomaco, reni, fegato ed intestino, e cioè la temperatura di quando stiamo bene, senza aver la febbre, t’invitiamo a leggere i seguenti tre articoli.

In pratica, è una tipologia di sauna accessibile a tutti, anche ai portatori di pacemaker e molto utile per chi desidera scaricare lo stress, stimolare il metabolismo, disintossicarsi in maniera profonda, per chi soffre di dolori articolari, tra cui il mal di schiena, e per chi deve convivere con patologie del sistema immunitario, come la fibromialgia, la lyme, l’artrite reumatoide, l’elettrosensibilità, stanchezza cronica, la sindrome chimica multipla, ecc..

https://www.effettovita.it/sauna-infrarossi-benefici-e-controindicazioni-tra-le-normali-e-le-physiotherm/

https://www.effettovita.it/sauna-infrarossi-le-risposte-alle-tue-domande/

https://www.effettovita.it/sauna-infrarossi-a-bassa-temperatura/

Venendo alla carattersitiche tecniche, come puoi vedere la grossa differenza che si coglie a colpo d’occhio, sono gli schienali ergonomici, che posseggono le Physiotherm rispetto alle altre tipologie di saune infrarossi.

Schienali o anche poltrone.

Questo perchè il radiatore in ceramica, contenente la sabbia lavica, riesce ad emettere raggi infrarossi lontani, in maniera piacevole, proprio perchè la sabbia lavica è in grado di mantenere un calore elevato senza dover scaldare troppo il radiatore.

In più i sensocare, quei 4 cerchietti, che si vedono all’interno del radiatore, sono 4 sensori, che percepiscono quanto è calda la tua schiena e ti mandano il calore necessario al fine di non superare i 43 ° C, cioè il limite di sicurezza, per evitare danni termici alla pelle.

Una tecnologia, molto utile anche per coloro che prendono dei medicinali, che ti inibiscono la sensibilità al calore.

Insomma un altro pianeta rispetto ai modelli precedenti indicati.

Naturalmente hanno anche dei radiatori davanti per scaldare l’ambiente a 37 gradi e per mantenerlo a tale temperatura.

Non hanno un radiatore sotto la seduta proprio per evitare di ostacolare il ritorno venoso.

Alcuni modelli hanno il riscaldamento a pavimento o i tappetini scaldapiedi,  sono inoltre dotate di cromoterapia, aromaterapia e musicoterapia, nonchè di un comando elettronico inserito all’interno della sauna, con il quale puoi regolare l’intensità del radiatore posto dietro allo schienale ergonomico, con tre livelli di regolazione del sensocare, e diversi programmi di trattamento: rigenerazione, dimagrimento, schiena, emicrania, bronchi, vitalizzante, ecc..

Detto questo, se desideri maggiori informazioni o chiarimenti sulla differenza tra le saune infrarossi in ceramica, in carbonio, in quarzo magnesio ad ampio spettro oppure le Physiotherm, chiamaci tranquillamente al 339 6368711.

Le saune infrarossi Physiotherm siamo in grado di consegnarle in tutta Italia e se vuoi venire a visitare il nostro centro – show room, siamo in via Paolo Costa, 16 a Ravenna.

Alla mattina riceviamo su appuntamento, perchè trattando diversi prodotti legati alla salute delle persone, tra cui anche il test epigenetico S Drive, e avendo diversi clienti da fuori Ravenna, desideriamo garantire loro la massima privacy.

Al pomeriggio siamo aperti tutti i giorni, dalle 15.30 alle 20, tranne la domenica.

Non abbiamo problemi ad inviare via whatsapp o via telegram, alcune testimonianze dei nostri clienti, che hanno acquistato una sauna infrarossi Physiotherm, nel rispetto della loro privacy.

Abbiamo la possibilità di far parcheggiare la macchina gratuitamente, nella corte interna.

Articolo scritto da Elena Bagnoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.